Meditazione guidata

Come fare una Meditazione Guidata | Eliana Dell’Anna

Ciao e benvenuto in questo nuovo articolo in cui ti parlo di come fare una meditazione guidata.

Da quando ho creato il programma Ready to Yoga e il sito elianadellanna.net, ogni giorno vengo sommersa da richieste su tutto ciò che concerne il mondo dello yoga. Così, eccoci ad un nuovo argomento.

 

Meditazione buddista

 

Voglio darti il benvenuto in questo articolo sulla meditazione guidata.

A Bodh Gaya, in India, c’è un vecchio albero della Bodhi che ombreggia il punto in cui si crede che il Buddha si sia seduto in meditazione nella notte della sua illuminazione.

Nelle vicinanze si trova un sentiero rialzato di circa 17 gradini, dove il Buddha camminava su e giù per la meditazione camminando dopo essersi illuminato, sperimentando la gioia di un cuore libero.

Nei suoi insegnamenti, il Buddha ha sottolineato l’importanza di sviluppare la consapevolezza in tutte le posizioni, incluso stare in piedi, seduti, sdraiati e persino camminare. Seguimi e continua a leggere come fare una meditazione guidata.

Leggendo i resoconti sulla vita dei monaci e delle monache al tempo del Buddha, si scopre che molti raggiunsero vari stadi dell’illuminazione mentre facevano meditazione ambulante.

 

Meditazione guidata italiano

 

La tradizione di meditazione nella foresta della Tailandia nord orientale, pone grande enfasi su come fare una meditazione guidata e nello specifico nella meditazione camminata.

I monaci vivono in semplici abitazioni a una sola stanza, disperse in tutta la foresta e nella zona attorno a ogni capanna, trovi sempre un percorso di meditazione ben consumato.

In varie ore del giorno o della notte, i monaci possono essere visti camminare su e giù per questi sentieri, cercando di realizzare la stessa liberazione del cuore, raggiunta dal Buddha. Molti monaci camminano per lunghe ore. Altri, preferiscono la meditazione seduta.

Il compianto Ajahn Singtong, un maestro di meditazione molto ammirato, a volte praticava la meditazione a piedi per 10 o 15 ore al giorno.

Certamente, non mi aspetto che vogliate camminare per così tanto tempo, ma potreste comunque provare a scoprire come fare una meditazione guidata anche attraverso questo percorso; è un metodo prezioso di allenamento mentale per favorire la consapevolezza, la concentrazione e la serenità.

Se sviluppato, può rafforzare e ampliare la tua pratica di meditazione a nuovi livelli di tranquillità e intuizione.  

 

Come fare una Meditazione Guidata | Eliana Dell'Anna  

 

Meditazione guidata rilassamento

 

Se qualcuno ti ha suggerito questo articolo su come fare una meditazione guidata con Eliana Dell’Anna, probabilmente ha capito quanto io ami questo tipo di pratica.

Nella meditazione ambulante, l’oggetto principale dell’attenzione è il processo stesso di camminare. In altre parole, per affinare la consapevolezza e allenare la mente a concentrarsi, presti molta attenzione all’atto fisico del camminare e al modo in cui fai un passo dopo l’altro.

Quindi l’oggetto, è più ovvio e tangibile che nelle tecniche di meditazione più raffinate, come concentrarsi sul respiro o sul mantra, che sono spesso usati nella tradizionale meditazione seduta.

Concentrare la mente su questo oggetto più ovvio, aiuta ad evitare due estremi che i meditatori talvolta sperimentano durante la loro meditazione seduta.

In primo luogo, è meno probabile che tu cada in uno stato di ottusità o sonnolenza perché ti stai muovendo fisicamente con gli occhi aperti.

In realtà, la meditazione ambulante è spesso raccomandata per i meditatori che hanno un problema con l’ottusità della noia.

Addirittura, in casi estremi, il consiglio è di camminare all’indietro, così, non puoi addormentarti in questo modo. Ecco come fare una meditazione guidata!

 

Meditazione guidata camminata

 

L’altro aspetto estremo, è avere troppa energia, che in genere provoca sensazioni di leggera tensione o un po ‘di irrequietezza.

Poiché la meditazione camminata di solito non è praticata con la stessa intensità e concentrazione di una pratica seduta, c’è meno possibilità di creare tensione usando una forza eccessiva nello sforzo di focalizzare la mente.

Camminare è generalmente un’esperienza piacevole e rilassante per la mente e il corpo, e quindi un modo eccellente per liberare lo stress o l’energia inquieta.

Un altro vantaggio, è di speciale beneficio per coloro che frequentano ritiri di meditazione.

Durante tali ritiri, i partecipanti meditano spesso per molte ore al giorno e sedersi per periodi così lunghi, causa inevitabilmente disagio fisico o dolore.

Alternare le sessioni di meditazione seduta e camminata, aiuta ad alleviare quel disagio in modo piacevole, consentendo a chi medita di mantenere una continuità di pratica per lungo tempo.

Vuoi iniziare lezioni di yoga? Ecco come iniziare le lezioni di yoga con Eliana Dell’Anna

 

Meditazione guidata breve

 

Infine, praticare la meditazione camminata, facilita notevolmente lo sviluppo della consapevolezza nella vita quotidiana ordinaria.

Se riesci a imparare questa “tecnica”, durante la meditazione camminata – quando ti muovi fisicamente con gli occhi aperti – allora non sarà difficile suscitare quella stessa veglia in altre attività, come praticare lo yoga, mangiare, lavare i piatti o guidare .

Sarà più facile per te stimolare la consapevolezza mentre cammini verso una fermata dell’autobus, attraverso il parco o in qualsiasi altro momento. La tua meditazione inizierà a permeare la tua intera vita.

L’importanza della meditazione camminata, non può essere sopravvalutata.

È la presenza mentale che mantiene la coscienza viva e attenta alla realtà, trasformando così la vita ordinaria in una pratica continua di meditazione e trasformando il banale in spirituale.

Anche tu puoi imparare a camminare con consapevolezza in modo che i tuoi passi stampino pace e serenità sulla Terra.  

meditazione camminata  

Trova il tuo percorso ideale di meditazione guidata

 

La meditazione ambulante è meglio praticata su un sentiero designato, piuttosto che camminare casualmente. Il percorso dovrebbe essere dritto, livellato e avere una superficie abbastanza liscia.

È anche utile se il percorso ha un inizio e una fine. Pratichi la meditazione camminando tra questi due punti, essendo attenti e consapevoli di ogni passo.

Sebbene la lunghezza del percorso sia determinata principalmente dalle preferenze individuali, ho trovato che un percorso nell’intervallo da 10 a 20 metri è più utile.

Ti suggerisco di sperimentare percorsi di diverse lunghezze e trovarne uno più adatto alla tua pratica.

 

Meditazione guidata con Eliana Dell’Anna

 

La scelta di un percorso con un inizio e una fine è importante.

Questi questi due punti forniscono una struttura per la meditazione e promuovono una consapevolezza più acuta.

Ogni volta che arrivi alla fine del percorso, ti viene automaticamente ricordato di controllare se l’attenzione è effettivamente mantenuta ad ogni passo o se la mente ha vagato.

In questo modo, puoi ristabilire la messa a fuoco più rapidamente e quindi sostenere la consapevolezza.

Le linee guida per la meditazione camminata sono simili a quelle della meditazione seduta: scegli un tempo appropriato e decidi per quanto tempo meditare; per i principianti da 15 a 30 minuti può essere adatto.

Il percorso può essere sia all’interno che all’esterno, a seconda delle preferenze e dell’area disponibile.

Tuttavia, credo sia meglio, un ambiente tranquillo, poiché non sarai distratto dall’attività esterna o ti sentirai impacciato mentre ti muovi su e giù lungo lo stesso percorso.

Inoltre, quando possibile, è meglio praticare a piedi nudi, anche se questo non è essenziale.

Dopo aver stabilito queste condizioni, posizionati a un’estremità del percorso e tieni le mani leggermente accostate davanti al tuo corpo.

Gli occhi rimangono aperti, guardando giù lungo il sentiero a circa due metri più avanti.

 

Allenati a meditare

 

L’intenzione non è quella di guardare qualcosa in particolare, ma semplicemente vedere che rimani sul sentiero e sai quando girarti.

Dovresti, poi provare a focalizzarti, mettendo da parte ogni preoccupazione per il passato e il futuro.

Per calmare la mente e stabilire la consapevolezza nel presente, abbandona ogni preoccupazione per il lavoro, la casa e le relazioni e porta l’attenzione al corpo.

L’esercizio di meditazione è semplicemente quello di camminare a passo lento e rilassato, essere pienamente consapevoli di ogni passo, fino a raggiungere la fine del percorso su cui si sta camminando.

Inizia con il piede giusto. Mentre fai questo passo, presta molta attenzione al movimento del piede che viene inizialmente sollevato da terra, spostato attraverso l’aria e posizionato nuovamente a terra.  

 

Quindi fai un passo con il piede sinistro, essendo altrettanto attento. Continua a camminare in questo modo consapevole e metodico finché non raggiungi la fine del percorso scelto.

Se mentre cammini ti accorgi che la tua mente si è allontanata dal gradino, annota chiaramente la distrazione e con delicatezza, ma con fermezza, riporta la tua attenzione al passo.

Spesso è utile fare una nota mentale di “destra” e “sinistra” con ogni passo corrispondente, poiché ciò mantiene la mente più coinvolta nell’atto di camminare.

Quando arrivi alla fine del percorso, fermati un attimo e controlla per vedere cosa sta facendo la mente.

Sei attento? Se necessario, ristabilisci la consapevolezza. Quindi svolta e cammina all’altra estremità in modo simile, rimanendo attento e vigile.  

Meditazione benefici

 

Continua a camminare su e giù per tutta la durata del periodo di meditazione, facendo dolcemente uno sforzo per sostenere la consapevolezza e focalizza l’attenzione sul processo del camminare.

La meditazione ambulante può essere praticata in diversi modi che richiedono diversi gradi di concentrazione.

Mentre camminare a un ritmo normale, è adatto per lo sviluppo della consapevolezza, camminare molto lentamente, è più efficace per una concentrazione raffinata.

Puoi provare a camminare a velocità leggermente diverse fino a trovare il ritmo più adatto a te.

Come con qualsiasi metodo di meditazione, l’abilità nella meditazione camminata proviene solo dalla pratica regolare e dallo sforzo del paziente, ma i benefici ne valgono la pena.

Sperimenta la semplicità e la pace dell’essere con un passo alla volta – con nient’altro da fare e nessun posto dove andare – può essere veramente liberatorio. Ogni passo consapevole ti porta verso l’infinita meraviglia del mondo della realtà.

Hey, stai cercando delle pratiche di yoga che facciano al caso tuo?

Ti aspetto sul sito https://www.elianadellanna.net/

Namastè,

Eliana

 

Meditazione guidata

Come fare una Meditazione Guidata | Eliana Dell’Anna

Ciao e benvenuto in questo nuovo articolo in cui ti parlo di come fare una meditazione guidata. Da quando ho ...
Leggi Tutto
morning routine

Morning Routine | Come iniziare la giornata con il piede giusto

Sono seriamente innamorata della mia morning routine, quindi vorrei condividerla con voi, entrando un pò di più nel dettaglio con ...
Leggi Tutto
Esercizi di respirazione e rilassamento

Esercizi di respirazione e rilassamento | Ecco una guida efficace per te

Stai cercando degli esercizi di respirazione e rilassamento? Ho creato questa guida per te, affinché tu possa ricevere una prima ...
Leggi Tutto
Rimedi mal di testa

Rimedi mal di testa | Ecco come stare bene grazie allo yoga

Marianne stava cercando dei rimedi per il suo mal di testa. Stai cercando dei rimedi per il tuo mal di ...
Leggi Tutto

 

Scopri altri articoli:

 

Visita il sito https://lezionidiyoga.net/